Nei reparti femminili dei manicomi finivano spesso le donne che non riuscivano ad adeguarsi al ruolo di moglie e madre imposto dalla società,
 ‘dando pubblico scandalo’, come racconta la storica Vinzia Fiorino nella sua ricerca sulla rappresentazione della follia. Le diagnosi erano spesso le stesse: ninfomani, indemoniate o malinconiche. Le ninfomani erano descritte come “donne prive del dominio di pudore, disponibili a qualsiasi tipo di rapporto sessuale e sprovviste di qualsiasi affettività”. Le melanconiche soffrivano di una “alterazione patologica del tono dell’umore, nel senso di una immotivata tristezza talvolta accompagnata da ansia”. Una forma di depressione, curata fino a 40 anni fa nei manicomi con psicofarmaci e cicli di elettroshock. Le indemoniate erano invece definite come “irascibili, violente, con continui stati di agitazione”.

Dal web

Beatrice Lento
Beatrice Lento

Laureata in Psicologia Clinica, Tropeana per nascita e vissuti, Milaniana convinta, ha diretto con passione, fino all'Agosto 2017, l’Istituto Superiore di Tropea. I suoi interessi prevalenti riguardano: psicodinamica, dimensione donna, giornalismo, intercultura, pari opportunità, disagio giovanile, cultura della legalità, bisogni educativi speciali.

Invia il messaggio