Archivio mensilegiugno 2019

Le Dame di ferro

Lei é Manuela Gostner, le altre due sono Rahel Frey e Michelle Gatting. Sono le tre pilotasse coordinate da Deborah Mayer, ambasciatrice di Ferrari Challenge e pilota anche lei.

Le tre dame di ferro sono il primo gruppo femminile che negli ultimi 50 anni ha corso e completato la competizione automobilistica le 24 ore di Le Mans. La gara porta questo nome perché nel corso di 24 ore tre piloti si alternano nella guida riuscendo ad arrivare alla fine. Una gara “tosta” in cui occorre potenza e velocità.

Così dichiara Manuela:” Devi credere in un sogno e provare a realizzarlo. Noi donne abbiamo le stesse capacità degli uomini e la loro medesima resistenza”

“Noi donne abbiamo un approccio diverso. I maschi rischiano di più, sono più grintosi e istintivi. Noi donne siamo più prudenti e metodiche, detestiamo fare errori e sulla lunga durata siamo più resistenti. Siamo anche più precise e riusciamo a mantenere una freddezza costante più a lungo. Pensiamo molto più di loro. Anche durante le gare.”

Sono una povera lampada ch’ arde

Bellissimo il messaggio offertoci da Don Francesco Sicari (giudice istruttoria diocesana beatificazione Padre Francesco Mottola )

12° concorso finestre balconi vicoli fioriti “Anna Maria Piccioni” Città di Tropea

27 giuno 2019

 

Riflessione: Io sono una povera lampada che arde

—- 

«Io sono una povera lampada ch’arde.

L’olio d’oro fu raccolto quasi a goccia a goccia,

con lunga pazienza e con amore grande:

l’olio d’oro che ricorda

la pressura dolorosa del frantoio

e l’umiltà

della raccolta su la terra nera.

Fu posto in un vaso di coccio

e fu accesa

una lampada ch’arde

alimentandosi della sua morte.

E’ il segreto di tutta la vita:

una fiamma

che cerca spasimando i cieli 

e si alimenta di morte.

Arde ancora la fiamma e,

finché il povero vaso di coccio

non andrà in frantumi,

arderà – cercando i cieli».

 

Queste parole autobiografiche raccontano in maniera semplice ma profonda la vicenda umana e spirituale di un uomo, di un sacerdote che è senza dubbio uno dei fiori più belli di questo stupendo giardino che è la nostra città di Tropea.

Le parole del nostro Sindaco, Avv. Nino Macrì,  all’inizio di questo anno 2019, nella messa di apertura dell’anno giubilare mottoliano ne sono una conferma: Tropea, nonostante le sue sofferenze, continua a brillare e non solo per la bellezza naturale e storica. Ad illuminarla é, comunque, la grandezza del suo popolo e l’eccellenza di alcuni suoi figli straordinari come il Venerabile Don Francesco Mottola la cui missione, incarnata nella Casa Della Carità, con accanto Irma Scrugli e tutti gli Oblati e le Oblate del Sacro Cuore, rimane attualissima ancor oggi, un’oasi di vitalitá dirompente a cui tendere per affrancarsi dalle miserie della fragilità umana e del nostro tempo. 

Sono grato a tutti voi, a nome della famiglia oblata e del postulatore della Causa di beatificazione don Enzo Gabrieli, per aver voluto dedicare al Venerabile Servo di Dio don Francesco Mottola, questa dodicesima edizione del concorso, finestre, balconi, vicoli, fioriti “ Anna Maria Piccioni” Città di Tropea.

 

E’ un anno straordinario quello che stiamo vivendo, un anno commemorativo di un fatto avvenuto 50 anni fa… era il 29 giugno del 1969 quando don Mottola ripetendo una frase breve ma che diventava la sintesi di tutta una vita crucisignata e vissuta come dono e offerta al Signore e ai fratelli: “Eccomi, eccomi tutto” raggiungeva quel Cielo, che è stato il segreto del suo essere e il motivo del suo esistere, del suo essere un povero viandante che va e va, cercatore e pellegrino dell’Infinito. “Vorrei che la mia vita fosse un volo, un volo senza riposo, un volo perenne verso Dio che è l’infinito e perciò solo riposo…

Don Francesco Mottola è l’ aquila che ha raggiunto il sole perché la luce e il calore di questo sole che è l’amore di Dio, riscaldasse i tanti tuguri umani e materiali del suo tempo umidi e bui.

In questa prima parte dell’anno giubilare, tantissimi sono stati e continuano ad essere i pellegrini, uomini e donne di ogni ceto sociale e di ogni età che sono venuti e vengono a visitare i luoghi dove è vissuto questo umile prete e vi posso assicurare che nessuno torna a casa a mani vuote, anzi semmai molti sono rattristati per non aver potuto conoscere prima questa figura sacerdotale il cui insegnamento e la testimonianza di vita sono un dono e una ricchezza per questa nostra terra di Calabria.

Penso senza ombra di dubbio che l’anno mottoliano e l’attesa prossima sua beatificazione siano due occasioni perché tutti, a cominciare da noi tropeani, possiamo avvicinarci a questa sorgente, a questa povera lampada per lasciarci avvolgere da questa luce, da questo testimone di vita e di amore vero. 

Non lasciamoci sfuggire questa possibilità che ci viene data e soprattutto non guardiamo solo a ciò che da questi eventi potrebbe venire a beneficio per la città e il territorio in termini di sviluppo turistico – commerciale. Don Mottola non è né vuole essere un prodotto da vendere, ma un dono da accogliere, uno scrigno di tesoro da conoscere, icona del tropeano autentico che ha amato e servito questa città, la sua chiesa, la sua gente diventando un faro che orienti il cammino di questo popolo. Tropea non è solo la città del mare, di Galluppi, dei prodotti tipici, del divertimento, ma è la città dove Dio ha scritto una storia di santità e di amore nellavita e attraverso la vicenda di questo sacerdote…

L’evento della prossima beatificazione, aspettando a breve il pronunciamento ufficiale di Papa Francesco, sarà sicuramente un momento di speciale grazia in questo senso e per questo sono convinto che coinvolgerà tutte le forze belle e positive della nostra città e del nostro territorio provinciale e calabrese.

 

Ma quanta luce ha emanato questa povera lampada? Quanto amore ha dispensato? Cosa possiamo attingere se anche noi ci avviciniamo a questa sorgente?

 

 Il calore di una presenza che emana Vita: chiunque si avvicinava a don Mottola ne rimaneva positivamente contagiato… I suoi occhi esprimevano una grande esperienza di Dio da coinvolgere tutta la sua persona, con la sua spiritualità e corporeità, con la sua affettività e sensibilità…

Una delle persone che lo ha incontrato annota: mi accolse con quel sorriso intenso e bonario che esprimeva tenerezza, paternità, capacità di ascolto e fiducia. Gli esposi con confidenza il mio problema e lui cercò di rispondermi: non compresi molto del suo balbettio informe, ma rimasi ugualmente pacificata dal suo atteggiamento incoraggiante e dal suo sguardo rassicurante. I suoi occhi luminosi e raggianti mi dissero molto di più delle parole che non poteva esprimere… mi alzai felice, portando con me il calore di quell’esperienza e la certezza che la serenità di quell’uomo di Dio era per me la più consolante risposta ad ogni mio problema.

 

 Amore per la realtà ( storia, la sua terra ecc..): basta sfogliare le pagine del suo diario per cogliere l’intensità di un cuore che ama.. per scorgere lo sguardo intenso di poeta che abbraccia il mondo, la natura, i piccoli, i poveri, i sofferenti, scorgendo ovunque la bellezza e la potenza del Creatore o il volto sofferente e sfigurato del Cristo suo Figlio, che continua la sua storia di incarnazione, passione e redenzione. Innamorato di tutto ciò che lo circondava, don Mottola ci chiede di fare lo stesso, di incarnarci dentro questa storia, questo frammento di eternità che ci è dato da vivere, per essere nel mondo segno di speranza, testimoni di carità, punto di riferimento per l’uomo di oggi, bisognoso di tutto, ma soprattutto di Amore, perché mendicante di Dio.

 

 La vita come dono totale fino alla fine: l’immagine della lampada ci ricorda la lampada che arde dinanzi al tabernacolo segno della presenza di Gesù in ogni chiesa. Quella lampada alimentata ad olio non si spegne mai. Così è stata la vita di don Mottola. Mai spenta fino alla morte perché “ se l’olio accennasse a mancare, noi offriremmo in alimento di quella fiamma il nostro sangue, perché quella fiamma che veglia è l’ideale divino che si attua e splende nella carità”. Come una lampada eucaristica è andato illuminandosi e consumandosi negli anni, vivendo la sua parabola umana vicino all’altare di Cristo, senza lasciarsi scalfire dalla malattia che per ben 27 anni segnò il suo corpo. Già agonizzante il 27 giugno 1969, alle cinque del mattino, quando chiese di celebrare arrivato alla comunione, sorridente, quasi soddisfatto, guardò i presenti come per dire: Ce l’ho fatta!. L’eccomi del 29 giugno suggella una vita intesa e vissuta come dono totale a Dio e agli altri. 

 

L’On. Giorgio la Pira, il Sindaco Santo di Firenze legato da vincoli di amicizia e stima verso don Mottola in una commossa lettera affermava: Don Mottola era davvero, senza retorica, fonte mediatrice di acqua viva zampillante sino alla vita eterna: era uomo di preghiera profonda: tempio di Dio, purezza senza ombra, sofferenza crocifissa! Seppi della sua morte ad Assisi il 15 agosto: mi dissero: è morto un santo: don Mottola! Un’anima certosina, nel mondo: sacerdotale, autentica; piena di carità, piena di luce, piena di speranza!

 

La vita di Don Mottola, a 50 anni dalla sua morte, è un libro aperto per tutta la chiesa universale ma soprattutto per noi tropeanie la gente di Calabria. Quest’uomo ha parlato poco, soprattutto dopo che la sua voce si è spenta a causa della malattia. Ma ha parlato forte la sua vita, la sua donazione, il suo portare la croce insieme a Cristo.

 

Le tre dimensioni che abbiamo evidenziato: essere una presenza che emana vita, amare la realtà in cui viviamo e vivere la vita come dono totale sono l’eredità che ci lascia, ma sono anche il segreto e la  sorgente di una luce nuova per il riscatto e la rinascita della nostra amata Tropea se vuole essere un balcone fiorito sul mare.

 

Don Francesco Sicari

Premio Shahrazad

Sono lieta di partecipare a tutti i Soci di sos KORAI e a tutti gli Amici di Facebook che anch’io ho conquistato questo premio del Club Unesco di Vibo Valentia per l’ impegno profuso nella professione di Dirigente Scolastico.

“…un premio é una gratificazione ma é anche un peso ed io avverto la responsabilità che deriva da questo riconoscimento che voglio onorare”

Gli stereotipi di genere ci sono ancora

É certo: l’insieme di tratti psico comportamentali tipici di ciascun sesso oggi é meno ampio che in passato…ma non é nullo!

Gli stereotipi di genere hanno un ruolo non trascurabile sulle prestazioni dei singoli ma alcune differenze sono legate alle diversitá corporee e di funzione riproduttiva.

É importante non scordare, ad ogni modo, che la cultura premia le differenze purché esercitate nella libertá dei singoli in direzione di un’arricchente integrazione!

É un augurio e una speranza!

sos KORAI Onlus coordina Tropea in Fiore 2019

Con piacere Vi partecipo che l’ evento di premiazione dei Vincitori del Concorso Finestre Balconi Vicoli Fioriti Anna Maria Piccioni Cittá di Tropea si svolgerà il 27 Giugno, ore 21,00, nel Chiostro Peppino Impastato del Liceo Scientifico.

Non mancare!

Linda Laura Sabbadini

” Una situazione paradossale contrassegna la generazione 25-34 anni: sono le donne con il livello d’ istruzione più alto nella storia del Paese, ma anche quelle che fanno più fatica a entrare e a rimanere nel mondo del lavoro”

A dircelo é lei Linda Laura Sabbadini, pioniera degli studi statistici di Genere.

. Nasce a Roma nel maggio 1956. Una laurea in Scienze statistiche e Demografiche presa «per poter sintetizzare due passioni, quella per il sociale e le tematiche femminili, che ha attraversato tutta la mia vita, e quella per la matematica». Da 35 anni all’Istat (Istituto di statistica), dove ha diretto il dipartimento Politiche sociali e ambientali, ha un chiodo fisso: «Sapere chi siamo e come cambiamo». Ha dato un numero alla fatica delle donne dentro casa, illuminato il sorpasso delle ragazze sui maschi a scuola, svelato il sommerso nella violenza di genere, raccontato chi e quanti sono anziani, immigrati, omosessuali, homeless, disabili. Ha dato visibilità statistica agli invisibili. Per questa rivoluzione nei temi e nelle metodologie delle statistiche ufficiali, nel 2006 il presidente della Repubblica Ciampi l’ha nominata commendatore. Nel 2015, è stata inserita tra le 100 eccellenze italiane. Autrice di più di 100 tra monografie, pubblicazioni scientifiche nazionali e internazionali, sia di metodologia di indagine che di carattere tematico, ha partecipato a numerosi gruppi di alto livello come quello dell’Onu sulle statistiche sulla violenza contro le donne, lo steering group del Centro di eccellenza dell’Onu sulle statistiche sulla criminalità, l’expert group Onu sulle statistiche sociali, l’interagency expert group sulle statistiche di genere, il gruppo di coordinamento dei direttori delle statistiche sociali dell’Un-Ece, e il social development group dei direttori delle statistiche sociali di Eurostat. Dal 2016 è anche editorialista de La Stampa. Sposata, ha due figlie.

La Vergine galattofusa

É di Michele Greco da Valona la Madonna delle grazie che scopre il seno per offrire il latte non al bambino ma all’ umanità.

Dio non ha bisogno del latte della madre ma gli essere umani si.

Insolito e originale trittico dove la Vergine é affiancata da San Sebastiano e San Rocco che celebrano la vittoria sulla peste.

Lo possiamo ammirare nella grande mostra di Matera sul Rinascimento al Sud.

Tiziana Bernardi

É nata in una famiglia povera, ha studiato e ha fatto carriera fino a diventare direttore centrale di UniCredit.

Il marito si ammala di un tumore raro, sembrava condannato ma una cura sperimentale lo salva.

La sua vita cambia …si licenzia e fonda l’onlus Golfini rossi …

La grande forza del Volontariato la trascina e la sua vita diventa un sogno.

Tiziana è felice in Tanzania …ha scoperto che prima si era solo allenata a vivere…

Avanti tutta Tiziana!

Ada Luz Marquez

Ho perso ore e orologio,
calendario e aspettative,
le speranze e le certezze.
Ho perso tutto ciò che era,
tutte le inutili attese,
tutto quello che avevo cercato e tutto quello per cui avevo camminato
e tutto ciò che è avevo lasciato sul ciglio della strada.

E così, nel perdere tutto,
ho anche perso la paura,
la paura di infrangere le regole
e le autocritiche feroci,
la paura della morte
e la paura della vita,
la paura di perdersi,
e la paura di perdere.

E completamente nuda,
priva della vecchia pelle,
ho trovato un cuore
che vibra dentro ogni poro del mio essere,
un profondo tamburo
fatto di argilla, stelle e radici
il suo eco dentro di me
è la voce della Vecchia Donna, 
fu allora che ricordai
battito dopo battito,
che ero viva,
eternamente viva,
che ero libera, 
coraggiosamente libera.

Ada Luz Marquez

ALBA A TROPEA vince Scatti d’autore per TROPEA in Fiore

 Il Concorso “Finestre Balconi Vicoli Fioriti Anna Maria Piccioni Città di Tropea “ procede a passo veloce verso la conclusione e, in attesa della scelta e premiazione dei sei finalisti, tre per la categoria Privati e tre per quella riservata alle attività commerciali e alberghiere, raggiunge felicemente la tappa dell’individuazione della foto vincitrice della competizione “Scatti d’ autore per Tropea in Fiore”.
Lo Scatto, che andrà ad arricchire la gigantografia di annuncio della cerimonia conclusiva della rassegna floreale, é stato scelto, nei giorni scorsi, dalla Giuria del Concorso, intitolato all’artista umbra Anna Maria Piccioni, formata dai rappresentanti dei promotori dell’ evento: Comune, Pro Loco, Istituto Superiore, Consulta, AssCom, AsAlT, OspitiAmo Tropea e sos KORAI Onlus. 
Valutare non è stato facile perché tutti i prodotti in gara risultavano di grande bellezza e fascino, alla fine la Giuria si é lasciata attrarre dal valore simbolico della fotografia prescelta che al momento non é stata ancora resa nota per mantenere l’effetto sorpresa fino all’ affissione del manifesto gigante.
Ecco la motivazione della preferenza accordata:” La magia dell’ aurora, che tinge di rosa l’azzurro del cielo e del mare attorno allo Scoglio di Santa Maria dell’Isola e regala al simbolo della Città un’atmosfera da sogno, incanta ed emoziona. 
L’ alba su Tropea evoca suggestioni benauguranti e infonde speranza. Il nuovo cammino intrapreso dalla bella Tropea accoglie l’ auspicio di un percorso luminoso come l’alba  che prende per mano i sogni e li conduce a realtà”
L’autore di  “Alba a Tropea “ è Leonardo Davola, appassionato di fotografia è facile vederlo in giro o nel corso di eventi  con la sua attrezzatura anche se preferisce fissare le sue emozioni in situazioni esclusive, lontano dalla folla e dagli orari di punta, come ha fatto con la sua “Alba” che ha ammaliato i giurati.
“Quando ho comunicato la vittoria a Leonardo” ci dice Beatrice Lento, coordinatrice del Concorso, come presidente di sos KORAI Onlus, assieme alla Presidente dell’ Associazione Commercianti Mariantonietta Pugliese” è stato felice come un bambino e mi ha detto una frase che mi ha emozionato ‘La bellezza di una foto é a gusto di chi guarda, io cerco sempre di dare il meglio ad ognuno ma non so quale sia’ “
A breve la curiosità di conoscere lo Scatto vincitore sarà soddisfatta e lo si potrà ammirare in versione gigante quale messaggero della cerimonia di premiazione dei vincitori della kermesse floreale che quest’anno conquista la sua dodicesima edizione ed è dedicata al grande Sacerdote Tropeano Don Francesco Mottola.
 L’ evento, in programma il 27 Giugno, che si  svolgerá all’imbrunire in un contesto affascinante e carico di tradizione e di impegno, quale il Chiostro Peppino Impastato del Liceo Scientifico, regalerà ai partecipanti sensazioni indimenticabili.
Le Coordinatrici 
Beatrice Lento e Mariantonietta Pugliese