Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini

” Una situazione paradossale contrassegna la generazione 25-34 anni: sono le donne con il livello d’ istruzione più alto nella storia del Paese, ma anche quelle che fanno più fatica a entrare e a rimanere nel mondo del lavoro”

A dircelo é lei Linda Laura Sabbadini, pioniera degli studi statistici di Genere.

. Nasce a Roma nel maggio 1956. Una laurea in Scienze statistiche e Demografiche presa «per poter sintetizzare due passioni, quella per il sociale e le tematiche femminili, che ha attraversato tutta la mia vita, e quella per la matematica». Da 35 anni all’Istat (Istituto di statistica), dove ha diretto il dipartimento Politiche sociali e ambientali, ha un chiodo fisso: «Sapere chi siamo e come cambiamo». Ha dato un numero alla fatica delle donne dentro casa, illuminato il sorpasso delle ragazze sui maschi a scuola, svelato il sommerso nella violenza di genere, raccontato chi e quanti sono anziani, immigrati, omosessuali, homeless, disabili. Ha dato visibilità statistica agli invisibili. Per questa rivoluzione nei temi e nelle metodologie delle statistiche ufficiali, nel 2006 il presidente della Repubblica Ciampi l’ha nominata commendatore. Nel 2015, è stata inserita tra le 100 eccellenze italiane. Autrice di più di 100 tra monografie, pubblicazioni scientifiche nazionali e internazionali, sia di metodologia di indagine che di carattere tematico, ha partecipato a numerosi gruppi di alto livello come quello dell’Onu sulle statistiche sulla violenza contro le donne, lo steering group del Centro di eccellenza dell’Onu sulle statistiche sulla criminalità, l’expert group Onu sulle statistiche sociali, l’interagency expert group sulle statistiche di genere, il gruppo di coordinamento dei direttori delle statistiche sociali dell’Un-Ece, e il social development group dei direttori delle statistiche sociali di Eurostat. Dal 2016 è anche editorialista de La Stampa. Sposata, ha due figlie.

Beatrice Lento
Beatrice Lento

Laureata in Psicologia Clinica, Tropeana per nascita e vissuti, Milaniana convinta, ha diretto con passione, fino all'Agosto 2017, l’Istituto Superiore di Tropea. I suoi interessi prevalenti riguardano: psicodinamica, dimensione donna, giornalismo, intercultura, pari opportunità, disagio giovanile, cultura della legalità, bisogni educativi speciali.

Invia il messaggio